Browsing Category

sciroppo d’agave

colazione/ DIY/ dolci/ farina di mandorle/ frullato/ latte di mandorla/ lo faccio io/ post workout/ sciroppo d'agave/ senza glutine/ senza whey/ smoothie/ spezie/ Veg

latte di mandorla senza zucchero fatto in casa

Ricco di antiossidanti ( vitamina E) e di acidi grassi insaturi ( linoleico e oleico ) il latte di mandorle senza zucchero è un alimento eccellente dal punto di vista nutrizionale. Ma, ahimè, quello in commercio contiene quantità di saccarosio esorbitanti ( intorno al 30% del prodotto finito) e a noi di LeFitChef troppo zucchero non piace, vero?

Così ce lo prepariamo da soli. Il processo è incredibilmente semplice e le sue origini sono antichissime.

Prima di ogni cosa procuriamoci gli strumenti adatti:
Il vostro fedele frullatore ( andrà bene anche il mixer della mamma)
Ciotole ampie
un telo pulitissimo, andrà bene un comune strofinaccio a maglie larghe, assicuratevi che non abbia resti profumati di detersivi. Nel caso, prima di iniziare, lasciatelo a bagno in acqua fredda e aceto per un paio d’ore, sciacquatelo con cura e fatelo asciugare al sole, eliminerà ogni odore che si trasmetterebbe al prodotto finale.

latte di mandorla senza zucchero fatto in casa

 


Ingredienti:

200 grammi di mandorle, rigorosamente NON pelate,
750-800 ml d’acqua fredda
il contenuto di mezzo baccello di vaniglia ( facoltativo)
mezzo cucchiaino di cannella ( facoltativo)

se preferite addolcire il vostro latte di mandorla fatto in casa avete due opzioni:
dolcificarlo in corso d’opera aggiungendo, a scelta, 50 grammi di datteri o di uva passa,
oppure dolcificarlo volta per volta, al momento del consumo con il vostro edulcorante preferito: miele, fruttosio e sciroppo d’agave, a mio parere, sono quelli che esaltano maggiormente gli aromi naturali del latte di mandorla.

Mettiamo le mandorle a mollo in acqua fredda, dovranno rimanerci per un periodo variabile dalle 12 alle 48 ore, cambiando l’acqua ogni otto ore circa.
Al termine dell’ammollo, sciacquare le mandorle sotto l’acqua corrente e liberarle dalle pellicine, basterà premerle tra due dita e sgusceranno via senza problemi.

Versiamo nel frullatore le mandorle, l’acqua ( la proporzione tra mandorle e acqua sarà di circa 1/4) , il contenuto del baccello di vaniglia, la cannella ed eventualmente i datteri snocciolati o l’uvetta, che avranno il compito di dolcificare il nostro latte di mandorle homemade.

Frulliamo tutto a impulsi per tre o quattro volte, quindi facciamo andare il frullatore alla massima potenza per due o tre minuti,
se usate il mixer della mamma frullate per 4 minuti in totale, fermandovi di tanto in tanto per raccogliere l’impasto dalle pareti con l’aiuto di una spatola.

Versate tutto nella ciotola in cui avrete adagiato il vostro strofinaccio che farà da filtro, (abbiate cura di non farlo affondare), e strizzate per bene, è anche un ottimo esercizio per le braccia….

Yay! il vostro latte di mandorle autarchico è pronto!

Si conserva in frigo fino a cinque giorni in una bottiglia ben chiusa.
E con quello che avanza, che fare?

La farina di mandorle fatta in casa ! 

Accendiamo il forno a 100°
Versiamo la polpa di mandorle avanzata su una teglia coperta da carta da forno e lasciamo che si asciughi per 45 minuti circa, rigirando spesso perché non si bruci e l’asciugatura sia uniforme.
Togliamo dal forno e lasciamo che si freddi completamente. Rimettiamola nel mixer della mamma e frulliamo a secco per qualche minuto.
Avete appena ottenuto la vostra prima farina di mandorle fatta in casa, che potete utilizzare per arricchire i vostri fiocchi d’avena per la colazione, usarla per  i muffin , i biscotti e tutto quello che vi suggerisce la fantasia ( limitatevi alle preparazioni dolci se avete aggiunto la cannella e/o la vaniglia).

+Watt/ avena/ ciambella proteica/ dolci/ pre-workout/ proteine del siero del latte/ sciroppo d'agave/ snack dolci/ torta proteica/ uova

Ciambella proteica con Stevida

Ingredienti:
tre albumi grandi o 120g di albumi pastorizzati
100 grammi di purea di mela
150 ml di latte scremato
50 grammi di farina d’avena
40 grammi di proteine del siero del latte
30 grammi di Stevida
un cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
un cucchiaino di bicarbonato

Preriscaldate il forno a 180°
Montare a neve gli albumi e amalgamarli con cura alla purea di mele precedentemente stemperata con il latte.
A parte mescolate gli ingredienti secchi e, con l’aiuto di una spatola, aggiungeteli al composto di uova.
Versatelo in uno stampo in silicone e infornate per 30-35 minuti, fate la prova dello stecchino prima di sfornare.
Abbiate cura di lasciar raffreddare completamente il dolce prima di sformarlo.

cacao/ canapa/ cioccolato/ classici rivisitati/ dolci/ Informazioni Nutrizionali/ low carb/ salse e creme spalmabili/ sciroppo d'agave/ senza glutine/ senza whey

Crema al cioccolato e semi di canapa

Oggi cheat-day infrasettimanale, è il mio compleanno e ne approfitto per condividere questo riuscitissimo esperimento, ora che il caldo non imperversa ancora come dovrebbe.

Vi ho già parlato delle virtù dei semi decorticati di canapa, assolutamente privi di THC, sono un alimento completo e ricco di grassi omega3 di cui ormai conoscete i benefici. Questa caratteristica li rende particolarmente adatti a sostituire latte e nocciole nella preparazione domestica di una crema spalmabile al cioccolato che, nella mia versione, risulterà assolutamente priva di olii dannosi, zuccheri in eccesso e derivati del latte.

Ci occorrono:
150g di semi decorticati di canapa BIO VEGAN Exhemplara
40 grammi di cacao amaro
50 grammi di sciroppo d’agave ( o miele fluido)
poche gocce di essenza di vaniglia
due cucchiai di olio di canapa BIO VEGAN Exhemplara 

Tostiamo brevemente i semi di canapa decorticati in un’ampia padella antiaderente, basterà un minuto a fuoco vivace, agitandoli continuamente perché non brucino. Questo servirà a rendere fluidi gli oli che renderanno più semplice il resto dell’esecuzione.
In un mixer cominciamo a tritare finemente i semi di canapa, aggiungendo, se necessario il primo cucchiaio d’olio di canapa. Dopo qualche minuto otterremo una pasta densa, a cui aggiungeremo il restante olio, lo sciroppo d’agave ( o il miele) , l’essenza di vaniglia e il cacao. Facciamo ripartire il mixer e continuiamo finché il risultato non abbia la consistenza desiderata. Eventualmente si può aggiungere dell’altro olio ma niente acqua o latte.

Procedete con pazienza e calma, con un frullatore comune saranno necessari almeno 40 minuti di lavoro. Fate una pausa di un paio di minuti ogni 3 minuti circa, rischiate di fondere l’apparecchio…

La crema al cioccolato e semi di canapa si conserva in un barattolo di vetro fino a due settimane fuori da frigo, se ce la fate a non finirla subito.

cacao/ canapa/ ceci/ classici rivisitati/ colazione/ dolci/ healty bakery/ Informazioni Nutrizionali/ low carb/ olio di cocco/ pre-workout/ sciroppo d'agave/ senza glutine/ senza whey/ snack dolci/ uova/ Veg

Brownies senza glutine ( con farina di canapa)

Questi brownies dall’aroma nocciolato sono ricchissimi non solo di fibre e minerali, ma anche delle proteine della canapa e dei ceci, senza dimenticare i preziosi omega 3 e 6 di cui torno brevemente ad elencare alcune proprietà:
   * Evitano l’accumulo dei grassi più pericolosi, trigliceridi e colesterolo, sulle pareti arteriose, bloccando l’indurimento dei vasi.
    * Proteggono il sistema cardiovascolare: il sangue, reso più fluido dall’assenza dei grassi cattivi, circola meglio, facendo funzionare bene il cuore   e  allontanando il rischio di malattie coronariche, ipertensione, arterosclerosi e trombosi.
    * Attenuano le reazioni infiammatorie quali, asma ed artrite reumatoide.
    * Favoriscono la vitalità delle cellule del sistema nervoso centrale, con funzioni antidepressive
    * Aumentano le difese immunitarie e rafforzano le difese della pelle
    * Utili nella terapia dell’artrite e di altri disturbi infiammatori.
    * Coadiuvanti nella cura della psoriasi e di altre patologie cutanee.
    * Anticancerogeni.
    * Agiscono sul microcircolo (utile per cellulite ed edemi).
    * Produzione di ormoni.
    * Facilitazione nella risposta immunitaria e antinfiammatoria in caso di ferite e infezioni.


Per una teglia quadrata di 24 cm di lato ci occorrono: 

2 uova
estratto di vaniglia
1 cucchiaino di sale
90 grammi di farina di ceci 
100 grammi di farina di canapa Bio Vegan Exhemplara 
6 cucchiai di sciroppo d’agave
90 grammi di olio di cocco 
40 grammi di cacao 
semi di canapa decorticati Exhemplara 
un cucchiaino di lievito per dolci
9 datteri denocciolati e sminuzzati


Preriscaldate il forno a 180°
sbattete leggermente le uova con lo sciroppo d’agave, il sale  e l’olio di cocco, a parte setacciate le farine con il lievito e il cacao.
Amalgamate il composto di uova alle farine e aggiungete l’aroma di vaniglia e i datteri per ultimi.
Versate in una teglia antiaderente e cospargete con i semi.
Fate cuocere a 180* per 20-25 minuti, non è necessaria la prova dello stecchino, ma assicuratevi che la superficie abbia un aspetto “asciutto” prima di sfornare. Lasciate che il dolce si freddi per bene nel suo stampo prima di tagliarlo a quadrotti.

albumi/ cioccolato/ classici rivisitati/ colazione/ dolci/ low carb/ post workout/ proteine del siero del latte/ salse e creme spalmabili/ sciroppo d'agave/ senza glutine/ snack dolci/ uova/ Walden Farms

Waffle proteici low carb

Di solito questa è una preparazione ricca di burro e zucchero, decisamente poco adatta ad un regime sano e controllato, ma se riuscite a procurarvi la piastra adatta, vi garantisco che i waffle proteici low carb  non hanno nulla da invidiare ai  classici waffle della tradizione belga.
Occorrono, oltre all’insostituibile piastra elettrica:
1 uovo intero
1 albume
1 cucchiaino di lievito per dolci
dolcificante a piacere
latte quanto basta
Mescolate in una ciotola tutti gli ingredienti, aggiungendo l’acqua gradatamente, fino ad ottenere una pastella fluida, lasciatela riposare almeno dieci minuti in modo che il lievito agisca rendendola lievemente spumosa.
Questa versione non contiene il burro, presente in grandi quantità nella versione originale, quindi sarà necessario ungere lievemente la piastra per evitare i waffle si attacchino. Potete usare un foglio di carta da cucina appena bagnato nell’olio extravergine d’oliva, ed eliminare l’eccesso con un altro foglio asciutto.

Accendiamo la piastra e versiamo circa tre cucchiai di pastella, facendo attenzione a non eccedere, per evitare che debordi quando avremo chiuso la macchina.

Lasciate cuocere per non meno di due o tre minuti, resistendo alla tentazione di aprire le piastre prima che questo tempo sia trascorso.
Servitela con frutta fresca, yogurt magro o una generosa dose di sciroppo al cioccolato a zero calorie, la ricetta è qui
anti cellulite/ avena/ classici rivisitati/ colazione/ collaborazioni/ dolci/ Informazioni Nutrizionali/ low carb/ mandorle/ mirtillo/ pre-workout/ sciroppo d'agave/ senza whey/ smoothie/ snack dolci/ Veg/ yogurt

Granola ai semi di canapa

Abbiamo già parlato di granola in precedenza, una gustosa combinazione di ingredienti variabili, adatta ad una colazione energetica e a basso indice glicemico. Ma stavolta vi presento un ingrediente inedito.
I semi di canapa sono ricchi dei grassi insaturi omega 3 e omega 6 e presentano ben 33 grammi di proteine oer cento grammi di prodotto, ma a differenza di altre fonti proteiche vegetali, i semi di canapa forniscono tutti gli aminoacidi essenziali, ciò significa che il loro valore biologico è paragonabile a quello delle proteine della carne, dei prodotti caseari e delle uova ( ciò li rende un’eccellente ingrediente extra da aggiungere ai nostri shake post-workout)

veniamo alla nostra preparazione:
400 grammi di Fiocchi d’avena Baby  ( evitate l’avena precotta)
60 grammi di mandorle spezzettate
80 grammi di semi di canapa decorticati
una manciata di uvetta ( o altra frutta disidratata come mirtilli, bacche goji, cranberries, albicocche)
30 ml di olio di cocco
100 ml di sciroppo di agave

Preriscaldate il forno a 150°.
In una ciotola ampia mescolate tutti gli ingredienti, ad eccezione della frutta disidratata. In un pentolino dal fondo spesso fate scaldare l’olio di cocco e lo sciroppo d’agave per pochi minuti, quindi versate sul mix di semi e cereali. Mescolate con cura finché il tutto non sia ben assorbito.
Stendete il tutto sulla placca  coperta  di carta da forno e cuocete per 40 minuti circa, mescolando di tanto in tanto. A fine cottura mescolate ancora una volta, aggiungete la frutta disidratata e lasciate che si raffreddi prima di riporre il vostro mix in contenitori a chiusura ermetica.

CONSIGLIA Cacio e pepe