Browsing Tag:

snack salati

Senza categoria

Baba Ganoush senza tahini

baba ganoush senza tahini lefitchef

baba ganoush senza tahini main

Cos’è baba ganoush senza tahini ? È un classico piatto mediorientale originario del Libano, sebbene sia popolare e diffuso in tutta il medio oriente, compresi in Iraq, Turchia, Egitto, Giordania, Israele e Palestina. È abbastanza simile all’hummus; in entrambe le pietanze si utilizzano una notevole quantità di aglio e semi di sesamo macinati, o tahini , come da titolo, nel nostro caso faremo a meno di questo ultimo ingrediente per abbassare la quota di grassi.
Se invece la vostra dieta al momento non richiede un taglio drastico dei grassi, aggiungetene pure nela quantità desiderata, il taahini si trova senza difficoltà nei grandi supermercati che presentano una sezione etnica o su amazon a questo link CLICCA QUI
Nel Baba ganoush, a differenza dell’hummus , si usano le melanzane invece dei ceci come ingrediente principale.

Le melanzane sono ricche di nutrienti e antiossidanti, soprattutto di nasunina, che si trova solo nelle frutta e nelle verdure dai colori intensi. Questo potente antiossidante, che si trova nella buccia delle melanzane, è noto per combattere il danno dei radicali liberi e l’infiammazione, proteggendo il DNA dallo stress ossidativo.

Ci si potrebbe legittimamente chiedere se, essendo la melanzana un ortaggio commestibile solo previa cottura, le sue molte virtù nutrizionali vengano meno dopo averla preparata a dovere. La buona notizia ci arriva con questo studio  –

La pubblicazione dimostra, senza ombra di ambiguità, che la biodisponibilità di flavonoidi e antiosidanti presenti nelle melanzane aumenti una volta che queste siano state esposte a trattamento termico.

Ora che ci siamo tolti questo dubbio lacerante, potrei trattenervi accontandovi di quanto sia importante la melanzana nella lotta contro il cancro, il colesterolo, la carenza di fibre e minerali e delle attività chelanti della nasunina, ma non lo farò perché ci tengo al fatto che teniate sempre presente che il fattore più importante in un’alimentazione sana è la varietà insieme alla giusta proporzione tra i vari tipi di alimenti.

Nessun ortaggio, frutto, alga o seme è un salvavita; tutti sono ugualmente importanti per il benessere e l’efficienza di corpo e mente.

Bene, torniamo al nostro Baba ganoush senza tahini.

Baba Ganoush senza tahini | ingredienti e preparazione

1 melanzana viola grande ( o un paio piccole)
2 spicchi d’aglio
mezzo cucchiaino di cumino
il succo di mezzo limone
1 cucchiaio di olio d’oliva

 

Come ho già detto sopra, in questa ricetta ho omesso il tahini, che altro non è che la pasta che si ottiene dai semi di sesamo macinati, se avete un macina spezie potente potete prepararlo in casa ed aggiungerlo alla ricetta di oggi.

Lavate e asciugate bene la melanzana senza togliere la parte verde, praticate sulla buccia dei buchi usando i rebbi di una forchetta. Fate attenzione perché la buccia delle melanzane potrebbe far scivolare la forchetta e non è difficile ferirsi.

Cuocete le melanzane intere in forno caldo a 200°C per circa 20 minuti, dopo averle avvolte in alluminio da cucina. Il tempo varia in base al livello di maturità dell’ortaggio ed alle sue dimensioni, quindi controllate a metà cottura che tutto proceda per il meglio.

Se preferite usare il microonde ( come faccio io) sistemate le melanzane, senza alluminio, sul piatto girevole e cuocete per 8-10 minuti a media potenza o fino a che non sarannno morbide.

Una volta che le melanzane sono cotte, la ricetta originale vuole che la polpa venga separata dalla buccia, ma noi la includiamo nella ricetta perché la nasunina ci piace, quindi ce la teniamo.

Togliete il picciolo alle melanzane, tagliatele a pezzi grandi e mettetele nel boccale del frullatore con tutti gli altri ingredienti.

Fate andare fino ad ottenere una crema liscia e fate riposare almeno mezz’ora in frigorifero perché i sapori si armonizzino tra loro.

Servite con verdure crude, insalate, carni bianche o usatelo per farcire le piadine proteiche

 

 

al forno/ cena/ crusca d'avena/ fiocchi d'avena/ polpette/ pranzo/ ricetta a basso indice glicemico/ Veg/ zucchine

crocchette di zucchine

Non sapete ancora come smaltire la scorta estiva di zucchine, vero?
Le crocchette di zucchine saranno il vostro jolly per i pranzi fori casa, ma anche per deliziare gli amici a cena con un finger food stuzzicante, ma leggero

contenitore ecobioshopping.it

Le crocchette di zucchine al forno  piacciono proprio a tutti, sono fatte con pochissimi ingredienti, sono prive di grassi superflui, contengono fibre e vitamine e sono un ottimo modo per far mangiare le verdure ai bimbi e ai fidanzati capricciosi.

 

 

 

Crocchette di zucchine | ingredienti e preparazione:

Occorrono:
4 zucchine medie
due albumi
erbette a piacere ( io ho usato erba cipollina e basilico )
tre cucchiai di parmigiano ( facoltativo)
tre cucchiai di fiocchi d’avena
crusca d’avena per “impanare” la trovate su MyProtein al prezzo più conveniente, clicca qui per scoprire la promo di oggi ,   codice iscrizione MP28369474

sale iodato q.b.

Lavate, spuntate  e grattugiate grossolanamente le zucchine. Per risparmiare tempo potete anche tagliarle a tocchetti e passarle brevemente nel mixer, ma procedete a impulsi cercando di non ottenere una poltiglia.

Raccogliete la polpa di zucchine in un colino a maglie fini e lasciate che perdano l’acqua di vegetazione per almeno tre quarti d’ora ( potete raccoglierla e utilizzarla per uno smoothie, è ricca di sali minerali )

In una ciotola ampia mescolate i fiocchi d’avena tritati, gli albumi, la polpa di zucchine, le erbette, l’eventuale parmigiano e mescolate con le mani per ottenere un impasto uniforme.

Disponete su un vassoio la crusca d’avena ( io l’ho aromatizzata con pepe nero fresco).

Con le mani bagnate in acqua fredda preparate, con l’impasto di zucchine, delle palline appena più piccole di una noce, passatele velocemente sulla crusca d’avena e disponetele su un secondo vassoio.

Dovranno risposare in frigo per almeno un’ora, questo servirà ad evitare che si rompano durante la cottura in forno

Accendete il forno a 180°, preparate una placca rivestendola di carta da forno appena unta con olio spray e lasciate cuocere le crocchette di zucchine per circa 12 minuti.

 

 

 

Cottura in padella

 

Se, comprensibilmente considerando le temperature estive, preferite evitare la cottura in formo, potete optare per la cottura in antiaderente, scaldatela a fiamma alta e quando sarà molto calda, posate le crocchette di zucchine sulla superficie rovente ( non occorrerà ungerla), a questo punto abbassate la fiamma al minimo, coprite con un coperchio a misura e proseguite la cottura per circa 3-5 minuti per parte.

Sono ottime accompagnate dallo yogurt greco e salse come l’hummus.
p.s. potete surgelarle prima della cottura e consumarle il prossimo inverno.

Provate anche le polpette di ricotta, quelle di legumi speziati  e le polpette di pollo e avena, tutte perfette per pranzi fuori casa e spuntini caldi o freddi

 

CONSIGLIA Pizzette di cavolfiore