Browsing Category

xantano

burro d'arachidi/ classici rivisitati/ colazione/ comfort food/ condimenti/ dolci/ ricetta a basso indice glicemico/ ricetta base/ ricetta dolce senza zucchero/ salse e creme spalmabili/ Senza categoria/ Tutte le ricette/ Veg/ xantano/ zero calorie/ zero carboidrati

Sciroppo low carb al burro d’arachidi

sciroppo low carb al burro d'arachidi

Lo sciroppo low carb al burro d’arachidi è l’ennesima ricetta “magica” nata in casa Le FitChef.
Tutti amiamo il burro d’arachidi, ma siamo ben consapevoli del fatto che, insieme a tanti micronutrienti e proteine, è un alimento ricco di grassi e calorie, ragion per cui il suo impiego deve essere sempre misurato  e inserito in un regime regolato e bilanciato.
Ma la ricetta di oggi, che rielabora una arcinota “base” pubblicata su queste pagine quattro anni fa, si avvale dell’ausilio di un ingrediente speciale che, già in passato ci ha permesso di creare incredibili golosità dalle calorie bassissime.
Parliamo del burro d’arachidi in polvere, disponibile in due versioni su MyProtein, originale o dolcificato con Stevia, che rappresenta una vera rivoluzione nel mondo della nutrizione fit, povero di grassi, ma ricco di gusto ed incredibilmente versatile.

Vediamo come procedere nella realizzazione della ricetta di oggi: ve la propongo in due versioni, “classica” e vegan, per chi preferisce evitare i prodotti di derivazione animale. In entrambi i casi, lo sciroppo low carb al burro d’arachidi è una ricetta senza glutine, senza lattosio, e con valori così bassi da essere trascurabili. Cominciamo?

sciroppo low carb al burro d'arachidi

Sciroppo low carb al burro d’arachidi

versione vegan | ingredienti e preparazione

250 ml di acqua
20 g di burro d’arachidi in polvere ( lo trovate cliccano qui “burro d’arachidi in polvere“)
2 g di gomma di xhantano (clicca qui per acquistare “gomma di xantano” )
un pizzico di sale iodato
dolcificante a piacere

Portate a ebollizione l’acqua in un pentolino con il sale.
spegnete la fiamma e lasciare intiepidire dieci minuti circa.
A questo punto aggiungete la gomma di xantano che avrete setacciato insieme al burro d’arachidi in polvere, mescolando accuratamente con una frusta da pasticceria cercando di sciogliere eventuali piccoli grumi.
Nel caso in cui dovesse restare qualche grumo ostinato, non preoccupatevi, sparirà nelle prossime fasi della lavorazione.
A questo punto lo sciroppo va posto a riposare in frigorifero per un periodo che va da una a tre ore.
Trascorso questo tempo, tiratelo fuori e versatelo in un contenitore ampio e procedete ad una nuova vigorosa mescolata con le fruste.
Sconsiglio di usare il frullatore a immersione o il risultato sarà una mousse voluminosa. Altrettanto golosa, ma impossibile da far passare per sciroppo.

Ora lo sciroppo low carb è pronto per essere impiegato come topping per qualsiasi tipo di ricetta, senza particolari limitazioni.

 

sciroppo low carb al burro d'arachidi

Sciroppo low carb al burro d’arachidi | versione classica

per questa versione impiegheremo un addensante meno esotico e disponibile in ogni supermercato e discount: la colla di pesce.
Sappiamo tutti che la versione contemporanea di questo ingrediente deriva dal collagene animale e, oltre ad avere un contenuto nullo di grassi e zuccheri, rappresenta un ottimo aiuto per la funzionalità articolare e per il mantenimento di un buon trofismo del tessuto sottocutaneo. In parole povere è un ingrediente magico che aiuta a mantenere la pelle bella e il corpo elastico . Non trascuratelo.

vediamo cosa occorre per preparare questa versione:

250 ml di acqua
20 g di burro d’arachidi in polvere
2 fogli di colla di pesce
un pizzico di sale iodato

In un pentolino dal fondo spesso, portate l’acqua a ebollizione e spegniamo la fiamma. Mentre aspettate che si intiepidisca, tagliate i fogli di colla di pesce a pezzi irregolari con le forbici e aggiungeteli all’acqua.
A parte, mescolate la polvere di burro d’arachidi e il sale e aggiungetela alla parte liquida, mescolando con cura in modo che la gelatina si sciolga e non si formino grumi. Fate riposare il tutto in frigorifero per almeno un’ora. Trascorso questo tempo, con l’aiuto di un frullatore a immersione, omogeneizzate il tutto per rendere fluida la soluzione e scioglier eventuali piccoli grumi residui.
Ora potete versare il vostro sciroppo low carb al burro d’arachidi in un vasetto o un dispenser pulitissimo e iniziare ad impiegarlo per impreziosire le vostre ricette.

 

Sciroppo low carb al burro d’arachidi | conservazione

Come ogni preparazione domestica, è importante lavorare in un ambiente quanto più pulito ed ordinato possibile per evitare contaminazioni batteriche. Lo sciroppo low carb al burro d’arachidi può essere conservato fino a una settimana in frigorifero, ma è necessario che sia riposto in contenitori pulitissimi, a chiusura ermetica e precedentemente sterilizzati.
Non trascurate mai la sicurezza in cucina!

Vi aspetto nel nostro gruppo facebook  e vi ricordo che potete trovare le migliori occasioni per risparmiare su integratori e attrezzatue per lo sport nel nostro canale Telegram 

 

proteine del siero del latte/ ricetta a basso indice glicemico/ ricetta dolce senza zucchero/ ricetta proteica/ ricette a basso indice glicemico/ senza cottura/ senza zucchero/ snack dolci/ Tutte le ricette/ Veg/ whey/ xantano/ yogurt

Mousse proteica ai mirtilli

mousse proteica ai mirtilli

La mousse proteica ai mirtilli è il dessert ideale per queste tiepide giornate invernali. é un dolce a prova di principiante, goloso e invitante, senza zuccheri aggiunti e senza grassi, permette di soddisfare la voglia di dolce, ma anche di offrire un dessert goloso anche quando si è a dieta, ma si hanno ospiti a cena. Dopotutto non sarebbe cortese imporre delle privazioni anche a loro.
La preparazione richiede solo pochi minuti, si possono sostituire i mirtilli con le fragole, il ribes, i chicchi di melograno o qualsiasi altro piccolo frutto succoso e colorato.
Una volta preparata, la mousse proteica deve riposare in frigorifero per almeno mezz’ora prima di poter essere servita, questo per consentire alla gomma di xantano, presente tra gli ingredienti, di poter consolidare al meglio la struttura del dolce.
La mousse proteica si conserva in frigorifero fino a tre giorni, ma è necessario che sia contenuta in recipienti pulitissimi, asciutti e dal coperchio a tenuta ermetica perché conservi al meglio i suoi aromi e la sua consistenza.
Chi non impiega le proteine in polvere nella propria routine può ometterle, gusto e consistenza non ne risentiranno in maniera drammatica.
Sconsiglio vivamente di sostituire le proteine del siero con polveri di origine vegetale; non sono adatte a preparazioni così delicate a causa del loro gusto persistente e dalla scarsa solubilità che normalmente le caratterizza.
La gomma di xantano può essere acquistata qui, è possibile sostituirla con la gomma di guar, in eguale quantità. Niente agar agar, vi prego.
Vediamo cosa serve e come si prepara la mousse proteica i mirtilli

 

Mousse proteica ai mirtilli

mousse proteica ai mirtilli

Ingredienti 

  • 200 g di mirtilli freschi o congelati
  • 200 g di quark a 0 grassi
  • 1 g di gomma di xantano
  • 30 g di proteine del siero neutre o alla vaniglia
  • qualche goccia di tic
  • il succo di un limone

Prima di tutto lavate con cura i mirtilli, che siano freschi o congelati, eliminate eventuali petali rimasti attaccati ai frutti ed asciugateli bene.
Versate metà dei frutti in un pentolino dal fondo spesso insieme al succo di limone e fateli appassire a fiamma bassa, rigirando di continuo con un cucchiaio di legno e schiacciandoli leggermente perché rilascino il loro succo. Quando tutti i frutti saranno morbidi toglieteli dal fuoco.
A questo punto possiamo comporre la nostra mousse proteica.
Versate nel boccale del frullatore il quark a 0 grassi, la gomma di xantano, le proteine, qualche goccia di dolcificante e la purea di mirtilli intiepidita. Frullare fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi, ci vorrà circa un minuto.
Con l’aiuto di una spatola in silicone, raccogliete la mousse proteica e versatela in una coppa, o in 4 coppette monoporzione, decorate con i mirtilli rimasti e fatela riposare in frigorifero per almeno mezz’ora prima di servire.

Il quark può essere sostituito con lo yogurt greco o con lo skyr
Ne approfitto per invitarvi alla lettura di questo vecchio articolo sulle proprietà del mirtillo