Monthly Archives:

settembre 2014

Informazioni Nutrizionali

International Coffee Day: i benefici del bere caffè

Che lo preferiate amaro e ristretto, o zuccherato con latte, è probabile che abbiate cominciato questa giornata con un buon caffè.
Oggi si celebra la Giornata Internazionale del Caffè, ma se siete passati al decaffeinato, ecco qualche ragione per riconsiderare la vostra scelta.

coffee

Il caffè è ricco di nutrienti essenziali

 

una sola tazza di caffè contiene:

  • l’11% del RDA  di Riboflavina ( la vitamina B2)
  • il 6% del RDA di Acido Pantotenoico ( vitamina B5)
  • Manganese e Potassio fino al 3% del RDA
  • Magnesio e Niacina al 2% del RDA

Sebbene le quantità siano ridotte, è bene considerare che il consumatore medio assume fino a 4 tazze di caffè al giorno.

Il caffè può aiutare a prevenire l’Alzheimer

 

I ricercatori della University of South Florida e della University of Miami hanno evidenziato una correlazione tra il consumo di caffè e un decremento del rischio di demenza. Secondo questa ricerca gli adulti che consumano tre tazze al giorno di caffè hanno minori possibilità di sviluppare l’Alzheimer. Purtroppo questo non significa che il consumo di caffè escluda completamente il rischio di incorrerre in questa gravissima condizione, tuttavia un moderato consumo di caffè può. secondo i ricercatori, ridurre sensibilmente il rischio di sviluppare l’Alzheimer.



Il caffè protegge dalla depressione

Una ricerca pubblicata sul Archives of Internal Medicine sostiene che un moderato consumo di caffè riduce il rischio di depressione del 20% rispetto a un campione di studio che assumeva meno di una tazza di caffè a settimana.

benefici caffè lefitchef

Il caffè allunga la vita

Ricco di antiossidanti, il caffè si presta come alleato nella lotta ai danni da stress ossidatvo.
Svariati studi gli attribuiscono un ruolo significativo nella prevenzione di patolgie importanti come il cancro epatico, il diabete di tipo 2 e l’Alzheimer.
Per tutte queste ragioni, il consumo di caffè può essere associato ad un’aspettativa di vità più lunga, come afferma un innovativo studio pubblicato sul New England Journal of Medicine.

 

In conclusione

Per godere appieno dei benefici del caffè è necessario avere l’accortezza di non consumarlo nelle ultime ore del pomeriggio per evitare disturbi del sonno.
Se consumato con moderazione
e senza zucchero si rivela un alleato eccellente per il benessere.

 

 

 

avocado/ Senza categoria/ snack salati

Avocado croccante

Banner-350x262-18-Giugno-2014_DEFINITIVI-CON-TESTOIl mondo vegetale ci offre un’infinità di alternative alle patatine fritte, l’avocado croccante è uno snack irresistibile, che apporta grassi monoinsaturi e micronutrienti preziosi quali vitamina K, folati, potassio, vitamina E, luteina, magnesio e le vitamine C e B6.

avocado croccante le fitchef

Avocado croccante : ingredienti per 4 porzioni

2 avocado
50 g di farina integrale
mezzo cucchiaino di paprika dolce
due albumi
50 g di crusca d’avena
1 cucchiaio di latte scremato50 g di parmigiano reggiano grattugiato
olio spray
sale iodato q.b.

preriscaldiamo il forno a 200*C e prepariamo una teglia ricoprendola con carta da forno

mentre il forno si scalda prepariamo la panatura mescolando in una ciotola la farina, il sale e la paprika. In una seconda ciotola versiamo gli albumi e il latte, sbattendo leggermente con una forchetta. Prepariamo infine un piatto nel quale avremo mescolato la crusca d’avena con il parmigiano.

Tagliamo gli avocado per il senso della lunghezza, estraiamo il nocciolo, priviamoli della buccia e ricaviamo tre fette da ogni metà, per un totale di 12 pezzi.

Procedendo un pezzo per volta, passiamo l’avocado prima nella farina, e dopo aver eliminato l’eventuale eccesso, intingiamolo prima nell’albume e infine nel mix di crusca e parmigiano.

Posiamo ogni pezzo di avocado croccante sulla teglia precedentemente coperta con carta da forno. Una volta che avremo impanato tutti i pezzi di avocado croccante spruzziamo un velo di olio spray e inforniamo per 15 minuti, girandolo solo una volta a metà cottura per ottenere una doratura uniforme.
Servite l’avocado croccante immediatamente, accompahnandolo con una fresca salsa a base di yogurt greco e spezie.

 

 

 

 

Senza categoria

4 motivi per scegliere l’hummus

 

hummus le fitchef

L’hummus è una salsa molto popolare nella cucina del Medio Oriente.

Questo snack piuttosto in voga è ricco di fibre e proteine, ma povero di grassi, caratteristiche che lo rendono un complemento perfetto in una dieta sana.

Tradizionalmente l’hummus contiene ceci, tahini, succo di limone, olio d’oliva, sale e aglio. La ricetta tradizionale può essere arricchita e personalizzata con l’aggiunta di altri ingredienti come peperoni dolci, peperoncino, tonno, spinaci…

1 I nutrienti contenuti nell’hummus possono aiutarti a controllare il peso

Il contenuto di proteine e fibre di una porzione di hummus promuove il senso di sazietà e stabilizzando la glicemia, fa sì che tale sazietà si mantenga a lungo. Due cucchiai di hummus contengono circa 2 g di proteine, fornite prevalentemente dai ceci, e 1,2 g di fibre che favoriscono il transito intestinale.

2 I ceci limitano il colesterolo cattivo

Alcuni studi  dimostrano che l’assuzione di questi legumi apporta numerosi benefici. Oltre a quelli già citati si osserva una moderata riduzione del colesterolo LDL plasmatico.

 

3 I ceci possono ridurre il rischio di contrarre alcuni tipi di cancro

In particolare i ceci e in generale i vegetali ricchi in folati, possono contribuire alla prevenzioni dei tumori correlati con le carenze sieriche di folati, come nel caso del cancro gastrico. Inoltre si ritiene che una dieta ricca di fibre sostenga i microorganismi intestinali che contribuiscono a prevenire il cancro del colon.

4 l’hummus è un piatto personalizzabile

La ricetta base dell’hummus può essere facilmente ottimizzata per le esigenze nutrizionali di ognuno, è possibile apportare un maggior contenuto proteico aggiungendo, in fase di preparazione sgombro o tonno al naturale. Per aumentare la quota di fibre invece si possono usare semi di lino macinato o crusca d’avena. E ogni genere di spezie ed erbe fresche secondo il proprio gusto.

Hummus : ricetta base

ingredienti:

400g di ceci lessati

150 ml d’acqua

2 cucchiai di succo di limone fresco

uno spicchio d’aglio pelato

2 cucchiai di olio extravergine d’oliva

1 cucchiaio di pasta di sesamo ( potete realizzarla a partire dai semi di sesamo, con lo stesso procedimento utilizzato per produrre il burro d’arachidi fatto in casa  )

sale iodato q.b. ( non è necessario se adoperate i ceci in scatola)

preparazione:

Scolate i ceci e versateli nel boccale del mixer insieme all’aglio, la tahini, il succo di limone e l’eventuale sale.
Frullate il tutto aggiungendo gradualmente l’acqua fino ad ottenere un composto cremoso. Ci vorranno circa due minuti.

versate il composto nel piatto da portata e versate l’olio extravergine d’oliva, io ho guarnito con paprika affumicata.

 

Come si conserva l’hummus?

L’hummus può essere conservato in frigo fino a tre giorni in un contenitore a tenuta ermetica o congelato fino a un mese.
Se il composto appare secco al momento dell’utilizzo, basterà aggiungere dell’altro olio extravergine d’oliva.

 

 

 

 

 

 

CONSIGLIA Pasticcini di frolla montata