Senza categoria

Mini Tarts senza glutine alla bresaola


 

Da sempre la bresaola costituisce un alimento prezioso per chiunque segua un regime dietetico controllato, ricavata dalla stagionatura dei tagli più pregiati del manzo, la bresaola, tipica della Valtellina, per le sue caratteristiche nutrizionali non può mancare sulla tavola di un atleta. L’alto tenore proteico, l’apporto di ferro, minerali e vitamina,  insieme al  ridotto contenuto di lipidi, sono le caratteristiche nutrizionali che rendono la bresaola un alimento prezioso per gli sportivi e per chiunque desideri conquistare una migliore forma fisica.
D’altro canto, l’alto contenuto di sodio, tipico di ogni prodotto a base di carni stagionate, ha finora reso la bresaola un alimento da consumare con moderazione da parte di chiunque, per ragioni di salute o estetiche, avesse la necessità di seguire un’alimentazione iposodica.
Grazie ad un innovativo processo produttivo l’azienda Paganoni ha potuto abbassare di ben oltre il 20% il contenuto di sodio rispetto alle comuni bresaole in commercio. Dalla lavorazione del cuore di punta d’anca e per mezzo di una innovativa lavorazione meccanica che conferisce una particolare forma alla fetta nasce  Vestis, la prima bresaola a ridotto tasso di sodio che Paganoni ha ideato per venire incontro alla sempre più diffusa necessità di controllare l’apporto di sodio nel regime alimentare quotidiano.
Vestis, pur mantenendo inalterate le caratteristiche nutrizionali e organolettiche della bresaola tradizionale, è un prodotto adatto soprattutto a chi cerca un alimento ricco di proteine, ma che non generi ritenzione idrica.
Ho avuto modo di provare in anteprima Vestis e ho potuto apprezzarne il sapore delicato e per nulla stucchevole rispetto alle bresaole tradizionali, la carne, compatta e aromatica, è di consistenza scioglievole e piacevolissima e non tende a seccarsi se esposta all’aria come a volte capita alle fette tradizionali.


Per esaltarne il gusto delicato ho scelto di utilizzare Vestis per la farcitura di delicate minitarts senza glutine, accompagnandola con il sapore delicato della ricotta.

Ingredienti per 12 minitarts

90 g di farina di mandorle
1 albume
15g di olio di cocco
1 cucchiaio di acqua tiepida
sale q.b.

per la farcitura
80 g di ricotta magra
1 tuorlo
60 g di bresaola Vestis a basso contenuto di sodio
2 cucchiai di parmigiano reggiano
6 pomodori pachino

Preriscaldate il forno a 180°C
In una ciotola mescolate la farina di mandorle, l’albume a temperatura ambiente, il sale, l’olio di cocco e l’acqua. Impastate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo e leggermente elastico.
Dividete l’impasto in 12 pezzi e schiacciatelo sul fondo di uno stampo da muffin dandogli la forma di piccole coppe.
Cuocete in forno caldo per circa 12 minuti.
Preparate intanto la farcia tritando finemente le fette di bresaola con l’aiuto di un coltello affilato.
Mescolate il trito di bresaola con la ricotta magra, il tuorlo e il parmigiano e amalgamate il tutto con un cucchiaio.
Dividete a metà i pomodorini, privateli dei semi e riducete la polpa a un trito fine.
Estraete la teglia dal forno e farcite le minitarts con il composto di ricotta e bresaola. Decoratene la superficie con un trito di pomodori pachino e bresaola.
Rimettete in forno le minitarts per ancora 7 minuti affinché la farcia si rassodi e servite a temperatura ambiente.



Facebook Comments

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

CONSIGLIA Girelle di pancarrè prosciutto e formaggio