patate dolci/ Senza categoria

spaghetti di shirataki con curry di tacchino e patate dolci

16 Ottobre 2013
piatto Cartaffini
Della pasta di konjac e dei suoi vantaggi per chiunque segua un’alimentazione a ridotto tenore di carboidrati vi ho già accennato in passato ( qui il link), si tratta di un particolare prodotto, ricco di fibre di glucomannano, che consente di ottenere un appagante senso di sazietà, apportando solo 10 calorie a porzione, quella che adopero è importata  dall’azienda Gisè  di Trieste.

La preparazione è semplice e consente di ottenere in pochi minuti un piatto gustoso e appagante, come quello che vi propongo oggi, un curry di tacchino e patate dolci, queste ultime, come sapete, forniscono carboidrati a lento assorbimento, contribuendo quindi a mantenere a lungo la sensazione di sazietà.

Ingredienti per due persone:

Uno spicchio d’aglio schiacciato
un pezzetto di zenzero tritato ( circa 25 grammi)

un peperoncino piccante
due cucchiai di curry in polvere

250 ml di yogurt magro neutro
500 grammi di fesa di tacchino a bocconcini
due cucchiai di olio extravergine d’oliva
una piccola cipolla
due grosse patate dolci
mezza bustina di Truvìa ( facoltativa, ma esalta le spezie)
sale iodato q.b.

In una ciotola ampia mescolate lo yogurt con il curry e le altre spezie, aggiungete i bocconcini di tacchino e lasciate riposare il tutto per mezz’ora.
Pelate le patate dolci, tagliatele a cubi e fatele sbollentare per una decina di minuti. Scolatele e tenete da parte.
Intanto in una larga padella antiaderente fate appassire la cipolla per qualche minuto nell’olio d’oliva.
Abbassate la fiamma e aggiungete il tacchino con la salsa di yogurt al curry e le patate dolci precedentemente sbollentate.
Continuate la cottura per circa 15 minuti, aggiungendo poca acqua, se necessario.
Intanto preparate gli spaghetti di shirataki: estraeteli dalla confezione e sciacquateli due minuti sotto l’acqua corrente in uno scolapasta.
Disponete il tacchino e le patate dolci nel piatto di portata e rimettete la salsa sul fuoco versandoci dentro gli spaghetti, lasciate insaporire due minuti e servite.

Facebook Comments

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    Scuccuzzu
    18 Ottobre 2013 at 5:37

    Complimentiiii blog bellissimo e favolose ricette!
    ciaoooo

  • Reply
    Ivan Z.
    19 Ottobre 2013 at 13:07

    Mi incuriosisce parecchio. MI sa che la testo già stasera. Complimenti 😉

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.