barrette/ burro d'arachidi/ cacao/ cioccolato/ colazione/ fiocchi d'avena/ olio di cocco/ snack dolci

Barrette al burro d’arachidi

Consideratelo uno sgarro sano, non abusatene o almeno provateci…

80 grammi di fiocchi d’avena
15 grammi di cacao amaro
15 grammi di miele ( un cucchiaio abbondante)
30 grammi di olio di cocco
100 grammi di burro d’arachidi ( fatelo in casa con questo procedimento)
140 grammi di formaggio fresco spalmabile a basso contenuto di grassi
qualche goccia di aroma di vaniglia
50 grammi di cioccolato extra fondente
carta da forno
un pizzico di sale iodato

Rivestite di carta da forno uno stampo rettangolare ( io ho usato uno stampo da plumcake)
In una ciotola versate i fiocchi d’avena, il sale, il miele, l’olio di cocco a temperatura ambiente, un cucchiaino di burro d’arachidi e il cacao,  impastate il tutto e trasferite il composto sul fondo della teglia, appiattendolo con le mani leggermente umide a formare uno strato omogeneo. Lasciate che la base delle barrette al burro d’arachidi  si solidifichi in frigo per almeno 10 minuti

A parte, con l’aiuto di uno sbattitore elettrico montate insieme il formaggio fresco, il burro d’arachidi e l’aroma di vaniglia, per circa dieci minuti, fino ad ottenere un composto leggero e chiaro.

Trasferite il burro d’arachidi montato con il formaggio sulla base di fiocchi d’avena, spalmatelo con l’aiuto di una spatola e rimettetelo in frigo a rassodare.

Infine, fondete a bagnomaria il cioccolato extra fondente e usatelo per creare l’ultimo strato di quelle che saranno le vostre barrette al burro d’arachidi. Rimettete in frigo per ancora 15 minuti.

Quando il cioccolato in superficie sarà solidificato, estraete il dolce dallo stampo aiutandovi con i bordi della carta da forno e con un coltello ben affilato ricavatene otto barrette.

 

 

 

Facebook Comments

You Might Also Like

10 Comments

  • Reply
    Cuoca Pasticciona
    25 settembre 2013 at 20:01

    Questa è una delizia per il palato..come si fa a non abusarne?? 🙂

  • Reply
    Noe P
    26 settembre 2013 at 10:48

    in effetti a casa mia dovrei metterle sottochiave 😀

  • Reply
    Araba Felice
    26 settembre 2013 at 12:55

    Non abusatene era una battuta? 😀

  • Reply
    Aryna
    12 ottobre 2013 at 18:45

    Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    • Reply
      Carmen Leonida
      13 ottobre 2013 at 13:08

      Margarina vegetale… ottimo. I grassi idrogenati sono un toccasana per la salute.

    • Reply
      Aryna
      15 ottobre 2013 at 6:46

      Questo commento è stato eliminato dall’autore.

    • Reply
      Noe P
      15 ottobre 2013 at 13:16

      Aryna, sebbene l’azienda che hai citato sia da mesi impegnata in una campagna promozionale, ( che ha coinvolto anche stimate, ma ahimè poco informate, foodblogger) volta a convincere che le margarine non idrogenate non siano dannose, devo purtroppo deluderti. Se da una parte è vero che le margarine di nuova generazione siano del tutto prive di grassi trans, è pur vero che la maggior parte delle volte riportano il etichetta la generica dicitura “grassi vegetali” che, come sappiamo, spesso indica la presenza di grassi nocivi come l’olio di palma. Inoltre il processo di produzione no fa altro che eliminare la parte la parte insatura dei grassi e tenere quella satura, la più nociva. Ti consiglio quindi di eliminare completamente dalla tua alimentazione questo elemento.
      Per quanto riguarda la base delle barrette puoi usare la tahine ( il burro di sesamo) o aumentare la dose di burro d’arachidi, oppure, per evitare troppi grassi puoi usare alcuni datteri snocciolati che faranno da collante per la tua base,
      a presto :*

  • Reply
    FitnessFood Italia
    28 maggio 2015 at 18:11

    Ricetta decisamente pratica, ma avrei una domanda: le barrette una volta estratte dallo stampo e tagliate, quanto possono resistere fuori frigo senza che diventino molli?

    • Reply
      lefitchef
      31 maggio 2015 at 14:05

      Molto poco nella stagione calda, è una ricetta adatta all’inverno

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    CONSIGLIA Pizzette di cavolfiore